Quaderni fotografici

Credo che a tutti capiti di ritrovarsi con dei mini progetti in testa per i quali un quaderno ha troppe pagine da riempire. Per alcuni progetti bastano poche pagine,un piccolo storyboard in cui raccogliere le immagini di riferimento e le ispirazioni. Proprio partendo da queste considerazioni ho iniziato a creare dei quaderni “su misura” stampando su dei normalissimi A4 bianchi che poi piego a metà e cucio con del filo colorato. La copertina solitamente la ricopro con della carta adesiva lucida,in modo tale che il quaderno non si rovini, e il gioco è fatto. 

Già lo scorso anno,su deviantART,ho trovato un set di pennelli a tema fotografico bellissimo (http://www.deviantart.com/art/Photography-Brushes-for-PSP-296845009) e l’ho utilizzato per creare alcune pagine. 

Qui sotto vi metto un esempio di impaginazione che chiunque potrà stampare per iniziare a creare i propri quaderni.

Immagine

 

 

Immagine

Decorare le checki

Lo so,esistono pellicole in formato check card di ogni colore e fantasia.Lo so,piacciono tantissimo anche a me e le vorrei provare tutte. Ma la fantasia è infinita e quindi mi sono detta: perché non provi a fare tu delle cornici per le tue foto?! Poi si sa come sono a volte le idee:arrivano in un lampo ma hanno bisogno di tempo per concretizzarsi. Così ho visualizzato solo qualche giorno fa che il materiale ideale per le checki era il washi tape,anche se il washi tape lo conosco dal 2010.Come faccio a ricordarmi la data?! Semplice,perché l’ho incontrato durante una passeggiata ad Amsterdam in una mattina di sole. Per puro caso mi sono ritrovata in uno dei negozi di carta più belli che io conosca:il Vlieger ( http://vliegerpapier.nl ) In un cestino,sul bancone,c’erano alcuni rotoli di scotch colorati e un cartello indicava che si trattava di scotch giapponese in carta.Non ho resistito e ne ho subito preso uno con le righe rosa,che ho utilizzato nel mio diario di viaggio nei giorni successivi.Dopo di lui ne sono venuti molti altri,di tutti i colori,e per ciascuno di loro c’è sempre stata una calorosa accoglienza.

Il primo esperimento l’ho fatto su una foto che ho scattato in Montenegro la scorsa estate. Quel giorno c’era una luce fortissima a Perast ma quando ho avvistato il camion dei pompieri ho subito desiderato immortalarlo:ne è uscita una foto imperfetta che a me piace moltissimo.

Image

La seconda foto l’ho scatta sui tetti di Budva,ma ho chiaramente sbagliato a settare la mia instax quando ho scattato. Mi dispiaceva buttare questo scatto,così ho pensato di incorniciarlo col washi tape e decorarlo con del fimo. Si,anche il filmo è un amico di lunga data ma non avevo mai pensato che potesse servirmi in un contesto fotografico.Ne è uscito un effetto un po’ kawaii che mi lascia molto soddisfatta.

Image

 

Animal House

Qualche tempo fa avevo postato il mio collage-album realizzato con le pagine di un catalogo di Muji che avevo deciso di riciclare.

Per quell’album avevo scelto di usare solo le pagine scritte. Con le pagine piene di immagini ho invece deciso di creare un economico libricino per bambini.Tutti hanno avuto,da bambini,uno di quei libri illustrati con gli animali della fattoria e alcuni di noi hanno avuto anche delle versioni audio coi versi degli animali pre-registrati. Ecco,io ho pensato di farne una versione “urbana”,portando gli animali a vivere in un’ipotetica casa.Ho anche scelto di mettere il nome di ogni animale in inglese per renderne più divertente l’apprendimento.

Ecco il risultato!

Immagine

Immagine

 

Immagine

 

Immagine

 

Immagine

 

Immagine

 

ImmagineImmagine

Nel menù di oggi: rullino marinato nell’aceto

Circa un anno fa,una domenica pomeriggio,ho convinto un gruppo di amici ad accompagnarmi a Greenland,un piccolo parco giochi abbandonato.

Poco tempo dopo ho scoperto che anche Mustolina c’era stata e aveva pubblicato un mini reportage molto esauriente sull’argomento (http://www.mustolina.com/2012/06/viaggio-greenland.html) ed ho conosciuto per la prima volta il suo blog.

Ora,finalmente,ho deciso di pubblicare le foto che ho scattato durante la mia visita.

La particolarità dei miei scatti è che sono stati realizzati con un rullino che avevo maltrattato parecchio,modificando un tipster che mi aveva colpita: (http://www.lomography.com/magazine/tipster/2012/05/23/the-agfa-vista-cocktail).

La mia ricetta modificata è:

  • 100 ml di aceto di mele
  • il succo di 1 arancia
  • due pizzichi di sale grosso
  • una goccia di detersivo liquido per piatti
  • un cucchiaio di Grand Marnier

Lasciare a bagno per due giorni e poi lavare il tutto in lavastoviglie.Lasciar asciugare il rullino per 2-3 settimane prima di usarlo.

N.B. Io ho incontrato qualche difficoltà nel riavvolgere la pellicola a rullino terminato,ma in camera oscura ho risolto il problematerminando l’avvolgimento a mano.

Ed ora ecco i risultati:

img079-2-Modifica

img053

img065 copia

img056-2 copia

img055-Modifica

img070-2 copia

img069 copia

img061 copia

img071 copia

img075

Ancora un album

Quando arriva la fine dell’anno ci si ritrova sempre per casa qualche catalogo che non serve più. La soluzione più semplice è quella di gettarlo nel bidone del riciclaggio della carta. Ma se  non ve la sentite di separarvene definitivamente,provate a dargli una nuova vita! Avevo un catalogo di Muji,un negozio che personalmente adoro.Ho separato le parti scritte e le parti con le foto dei prodotti e ne ho ricavato due album. Il primo è questo,che vuole essere un mio piccolo ritratto. Le pagine le ho rilegate con del filo di cotone e la copertina l’ho realizzata ricoprendo la carta col washi tape.

img159-2

img153

img154

img156

img157

img158

D.I.Y. album per le mie cheki card

Quest’anno,per il mio compleanno,ho ricevuto una magnifica Fuji Instax mini 25 di Hello Kitty. Questa meraviglia ha messo in crisi la classifica dei compleanni migliori di tutti i tempi,guadagnandosi un primo posto a pari merito con la Belle de jour di YSL accompagnata da un libro di Ryu Murakami.

Ma questo mio dilemma interiore  è ben poco importante ai fini di questo post. L’argomento del quale volevo parlare è infatti tutt’altro: questa piccola macchina per foto istantanee mi ha subito seguita in un week-end a Bilbao e San Sebastian. Una volta tornata a casa mi sono posta il problema di come conservare effettivamente queste mini foto e ho pensato di creare un piccolo album con dei ritagli di giornale. Ho scelto delle pubblicità che mi parevano intonate con le foto e  le ho attaccate sul cartoncino. Poi ho preso la carta da lucido e ho ritagliato dei piccoli rettangolini dentro ai quali ho adagiato le mie foto.

Questo è il risultato!